Evolvendo le relazioni: quali opportunità ci sta offrendo il Covid per migliorare le relazioni adulto-bambino?

Evolvendo le relazioni: quali opportunità ci sta offrendo il Covid per migliorare le relazioni adulto-bambino?
Questo periodo di emergenza sanitaria prolungata ci ha messo alla prova anche nella nostra capacità di gestire le relazioni con i nostri figli ed anche allievi se siamo degli educatori.
Ad uno sguardo più sereno e sincero su noi stessi, possiamo riconoscere che le paure, le ansie, le insoddisfazioni, le immaturità, i conflitti erano in parte già presenti in noi e tra di noi ancora prima del covid e che le limitazioni alle libertà hanno avuto la funzione di farle emergere.
Ci siamo trovati d’improvviso a dover gestire i figli a casa per molte ore con tutte le loro frustrazioni e richieste, a improvvisarci maestri, ad usare strumenti informatici che ci fanno sentire inadeguati,… insomma tanti problemi inaspettati che ci hanno messo in crisi.
Allo stesso tempo chi ha potuto e voluto, ha riscoperto il piacere del dialogo autentico e non superficiale, del calore umano e del bisogno della vicinanza fisica, del valore primario delle relazioni rispetto ai beni materiali, tutte cose che prima forse passavano in secondo piano …

Leggi

Il Sole oltre la Croce: niente accade per caso, tutto accade per uno scopo

Il Sole oltre la Croce: niente accade per caso, tutto accade per uno scopo
Sono giorni per molti di noi di confusione, ribellione, divisione, assuefazione, delusione, creazione… Ci sembra di non vedere un senso, una direzione, uno scopo oppure crediamo di trovarlo nella malvagità di qualcuno, nel suo egoismo nella sua brama di denaro, di potere, di notorietà.
In entrambi i casi rischiamo di sentirci impotenti e incapaci di capire cosa è giusto fare….
E se invece ci fosse un senso, una spiegazione, una logica che non riusciamo a cogliere? Le parole che seguono vogliono offrire una possibiltà in questa direzione.
Ripensiamo alla nostra vita, agli eventi del passato che ci hanno messo in difficoltà, separazioni, incidenti, malattie, delusioni d’amore, fallimenti, traumi,… pensate a come eravate prima e come siete stati dopo aver attraversato quel momento di difficoltà.
 Pensate a come grazie a quell’esperienza siiamo cresciuti in maturità, consapevolezza, autostima, conoscenza di come funzianano le cose.
Il risultato netto è che quell’esperienze ci hanno forgiato il carattere e fatto crescere, quindi a tutti gli effetti sono state positive. Se non è così è perchè crediamo ancora che siamo stati sfortunati, che sia stato colpa di qualcun altro, che non doveva andare così… Il dolore che generiamo dal non lasciar andare il rancore, la tristezza, la rabbia prima o poi ci indurrà a rifletteree a vedere lanostra parte di responsabilità di trarre da quell’evento il giusto insegnamento. Magari, con uno sforzo sovrumano e quindi divino, aiutando gli altri a fare lo stesso, e riuscire a compiere un vero perdono quindi, facendo agli altri ciò che avremo voluto ricevere.
In questa visione spirituale della vita, ci sono delle forze reali anche se invisibili agli occhi, che guidano i nostri destini ponendoci di fronte come individui e come umanità degli eventi non casuali ma precisi per ciascuno, che stimolano in noi l’oppontunità di agire in modo sempre più consapevole per il Bene di tutti. A noi il libero arbitrio di fare, sbagliare e riprovare.
Veniamo quindi alla Croce ed al Sole della foto, cosa centrano con il trovare un senso in quello che ci accade per orientarci in ciò che è nostro libero dovere fare.
La Croce è un simbolo universale, un archetipo, parla di qualcosa di ognuno di noi, per questo appartiene a tutte le culture anche a prima del Cristo, lo stesso vale per il Sole.
La Croce è il mondo in cui viviamo, 4 lati come 4 sono i punti cardinali ( est, ovest, nord, sud ), come 4 sono le stagioni, come 4 sono gli elementi di cui la materia e anche noi siamo costituiti ( Aria, Acqua, Terra, Fuoco ).
Nella Croce ci sono due linee che si incontrano, una verticale e una orizzontale.
Linea verticale: è il collegamento tra cielo e terra, tra l’alto ed il basso ovvero il collegamento tra il Cielo che scende in Terra e vicerversa; è la linea maschile, penetrante, la linea dello Spirito.
Linea orizzontale: rappresenta l’agire nel mondo, sono le nostre braccia aperte all’azione; è la linea femminile, che abbraccia e comprende; è linea della Materia.
Le due linee si intersecano al centro, in corrispondenza del V° chakra (chakra dell’espressione di Sè, della Volontà): è la nostra Volontà che media tra Cielo e Terra.
Quindi il portare la nostra croce è riconoscere sempre di più che tutto ciò che ci viene incontro ci viene mandato dal cielo affinchè noi nella materia, nella terra, nel nostro fare quotidiano, impariamo ad agire per il Bene di tutti, così facendo facciamo sorgere il sole in noi. Cos’è il Sole?
Il Sole è il nostro Spirito, il Dio in noi in crescita, il nostro Io, la nostra autocoscenza che cresce sempre di più nell’amorevole sforzo di trarre dalla Croce quotidiana a cui siamo inchiodati, il succo eterno della Conoscenza.
La croce è quindi solo un passaggio, è il saper morire al nostro falso Io ( l’Ego ) per comprendere che tutti siamo esseri in crescita e che per prove ed errori, ognuno per il suo sentiero siamo impegnati a diventare Dei.
Questo vuol dire sapersi opporre al male, all’inconsapevolezza, all’egoismo con ancora più forza e chiarezza, schivando l’odio, la rabbia e la paura che logorano noi e ci fanno fare azioni poco utili.
Così cresciamo noi e aiutiamo gli altri a fare lo stesso!
Paolo Bressan, libero ricercatore.

Leggi

Natale 2020: dall’ingenuità all’innocenza.

Natale 2020: dall’ingenuità all’innocenza.
Che cosa questo periodo di ansia, rabbia, paura, incertezza, tristezza, cambiamento ci sta chiedendo di vedere e di trasformare in noi?
Ci siamo accorti che le autorità esterne a cui ci affidiamo non sempre sono coerenti tra loro, non sempre fanno le cose per il nostro bene, non sempre sono guidati dall’etica e fanno ciò che dicono di voler fare. Politici, religiosi, medici, magistrati, scienziati si contraddicono continuamente, sia nelle loro stesse posizioni sia tra di loro. Ci accorgiamo che forse ingenuamente abbiamo creduto che chi riveste un ruolo importante, che chi ha fatto l’università, che chi gode di fama e potere non necessariamente è una persona evoluta a cui affidarci ciecamente….
 Questo brusco risveglio, questo riconoscere l’immaturità negli altri e la nostra incapacità di coglierla, ci può portare a diventare rabbiosi, a scagliarci con ira contro le autorità. Oppure a ritirarci nell’impotenza, nella depressione, nell’impossibilità a far fronte a tutto il brutto ed il male che ci viene incontro. Perdiamo l’ingenuità ma ci chiudiamo nella rabbia ancora più profonda o nella paura che ci paralizza.
Ma un po’ alla volta riflettiamo sulle nostre vite e su quelle degli altri e ci accorgiamo che tutti gli ostacoli, le fregature, i traumi a cui abbiamo assistito e che abbiamo vissuto hanno prodotto un cambiamento, un allargamento nella capacità di essere svegli e consapevoli, siamo diventati tutti più bravi a riconoscere ciò che è davvero bene e ciò che non lo è. E allora non ci fidiamo più ciecamente di ciò che dice tizio o caio ma vogliamo capire con la nostra testa e scegliere ciò che noi riteniamo vero, giusto e bello.
Ecco che questo sforzo costante e responsabile ci fa vedere il mondo e tutti i suoi esseri, noi compresi, come scolari nella scuola della Vita dove ognuno, per prove ed errori, sta cercando di salire la scala della sua evoluzione. Il nostro sguardo ritorna ad essere benevolo ma desto, sappiamo che ognuno ha in se’ luci ed ombre ed è nostro compito aiutarci a riconoscerle e stimolarci a cercare tutti i giorni di fare sempre meglio azioni di amore incondizionato ed intelligente. Ecco che l’ingenuità lascia lo spazio all’innocenza.
In fondo anche il Natale ed il suo presepio ci ricorda questo cammino che siamo chiamati a fare. In noi il Sole/Gesù/Amore nasce tutte le volte che nella grotta della nostra interiorità facciamo incontrare il pensiero maturo e intuitivo di Giuseppe con il cuore amorevole e cosciente di Maria. Cresciamo davvero tutte le volte che i nostri impulsi istintuali e le nostre forze di base, il bue, e che i nostri ritmi energetici e mentali quotidiani, l’asino, scaldano il nostro bambino Sole cioè vengono messi al suò servizio e non lasciati liberi di fare. Non c’è posto per il nostro Sole/Gesù/Amore nella locanda esteriore dove ci si perde in vizi, dissolutezze e abitudini immature. E dobbiamo essere desti nel non lasciarci imprigionare dal desiderio di aderire alle autorità esterne, l’Erode di turno, che teme e vuole annientare tutti i bambini nuovi che vogliono nascere innocenti e liberi in noi.
Trovate una completa e illuminante desrizione del senso del Natale e del presepe in questo video di Fausto Carotenuto https://www.youtube.com/watch?v=lWZi47euz2E
Allora Buon Natale a tutta l’Umanità e a ciascuno di noi, per saper cogliere in ogni persona ed evento che non casualmente ci viene incontro, l’opportunità di far crescere il nostro Sole/Gesù/Amore.
Per tenerti informato in modo plurale puoi seguire i seguenti siti:

Paolo Bressan è un libero ricercatore. Si è formato in Educazione Fisica, Biodanza, in Counseling Pluralistico Integrato e presso l’Accademia dei Talenti Spirituali di Coscienze in rete. E’ creatore della Rete Casa del Cuore. Conduce percorsi personali e di guppo per bambini e famiglie, giovani, adulti, disabili, uomini.

Contatti :

paolo.brex1@gmail.com

www.paolobressan.it

www.casadelcuore.org

Leggi

La Conoscenza ci libera dalla sofferenza anche al tempo del Coranavirus.

La Conoscenza ci libera dalla sofferenza anche al tempo del Coranavirus.

“Tanto è il bene che io m’aspetto che ogni pena mi è diletto ” Francesco d’Assisi

Soffriamo perchè non conosciamo e soffrendo cresciamo. Quando comprendo che ciò che mi fa soffrire è dentro di me e non fuori, nel modo di sentire e interpretare i fatti esterni, posso provare dolore ma so’ che ha uno scopo, lo scopo è vedere il mio limite e superarlo.

Conoscere è come salire una montagna ed osservare il panorama, il panorama è il limite del mio sguardo della mia capacità di comprendere la realtà. Per superarlo devo fare un passo in avanti-alto che sempre la vita mi offre sul mio sentiero, mi chiede fatica/sforzo/perdita di certezze, il premio è l’ampliamento del panorama, della Coscienza. Ciò che era vero per me prima ora lo riconosco come limitato e riconosco che quella salita, sfida, dolore che la Vita mi ha presentato aveva uno scopo preciso, farmi avanzare di un passo verso la cima.

Leggi

Il Grattacielo: cosa sono e come funzionano i Gruppi di Evoluzione

Il Grattacielo: cosa sono e come funzionano i Gruppi di Evoluzione

IL GRATTACIELO DELL’EVOLUZIONE PERSONALE

Immagina di essere di fronte ad un grattacielo, altissimo, con le pareti a specchio o colorate, dritto o curvo come piace a te immaginarlo. I tuoi piedi sono lì ben appoggiati alla terra fuori dal grattacielo, ti senti al sicuro e contemporaneamente ti senti irresistibilmente attratto dal voler entrare esplorare, salire, salire, salire…

Leggi

Dal provare Emozioni al produrre Sentimenti, il nostro lavoro quotidiano.

Dal provare Emozioni al produrre Sentimenti, il nostro lavoro quotidiano.

Spesso sentiamo pronunciare da noi stessi o da altri frasi come:

Ho un brutto carattere, che ci posso fare ! “ ;

Quella situazione è stata più forte di me !“;

Quando lui/lei fa così mi fa andare fuori di testa ! “

Questo ragazzo/ragazza è bellissimo/a mi fa proprio innamorare ! “

Accettiamo l’idea che se provo una certa emozione in relazione ad un fatto che accade fuori di me ho tutto il diritto di sentirmi in un certo modo, è per così dire naturale. Mi sento in diritto di esprimere questo stato d’animo come voglio perché sono nato con un certo carattere e non ci posso fare niente, è giusto che io continui così, è la mia libertà, è il mio libero arbitrio. Ma è proprio così? Ci ha sempre fatto stare bene dare espressione alle nostre emozioni liberamente ? Quando gli altri lo hanno fatto con me ha prodotto un beneficio vero e duraturo a qualcuno?

Lo scopo di questo articolo è riflettere e trasformare, ognuno a modo suo, una delle comuni convinzioni con la quale siamo cresciuti:

Leggi

Mea Culpa Mea Maxima Culpa ovvero la legge di “ attrazione” e la responsabilità al 100% del nostro destino

Mea Culpa Mea Maxima Culpa ovvero la legge di “ attrazione” e la responsabilità al 100% del nostro destino

La moderna legge di Attrazione divulgata nella nostra epoca altro non è che la riproposizione di un’antica , eterna e spesso occulta realtà della Vita. Oggi viene spesso confusa con: “ puoi ottenere ciò che vuoi basta che la immagini che ce la hai già, la pensi intensamente tutti i giorni e prima o poi arriverà “ . Chi ci ha provato, come me, si è accorto che non funziona esattamente così, ma qualcosa di vero c’è, proviamo a esplorarlo insieme. Leggi

Il Distacco e la Fluidità come Strumenti di Consapevolezza

Il Distacco e la Fluidità come Strumenti di Consapevolezza

Non possiamo possedere realmente niente e nessuno. Non ci sono oggetti, beni materiali, status sociali, professioni, persone che ci appartengano. Tutto è transitorio e in continua evoluzione, il movimento e il cambiamento sono le uniche cose certe.

La sofferenza nasce dall’attaccamento all’idea che qualcosa possa cambiare, e sicuramente accadrà e quindi così facendo ci condanniamo a soffrire! Soffro perchè il “mio ” partner non c’è più nella mia vita, perchè il “mio ” lavoro finisce, perche’ ” mio ” figlio fa quello che io non vorrei, perchè il ” mio ” corpo invecchia, perchè il ” mio “… ogni volta che usiamo parole che ci fanno illudere al possesso di qualcosa o qualcuno ci stiamo inoltrando nella strada della sofferenza.

Leggi

Uomini in Evoluzione, metti una mattina d’inverno all’alba sul Monte Pizzoc…

Uomini in Evoluzione,  metti una mattina d’inverno all’alba sul Monte Pizzoc…

 

Non eravamo certi che qualcuno potesse sul serio rispondere a questo invito.

In fondo chiedavamo qualcosa che non è consueto, normale, accattivante per un uomo.

Volevamo incontrare gli occhi di altri uomini che stanno cercando di capirci qualcosa del loro essere maschi in questo momento della loro vita. Volevamo verificare se questa aspirazione che coltiviamo nel cuore, esiste anche nel cuore di qualcun altro.

Leggi

Professionisti della Disabilità dopo una Formazione Esperienziale in Biodanza e Counseling

Professionisti della Disabilità dopo una Formazione Esperienziale in Biodanza e Counseling

Prendete 17 persone con varie professionalità ( Infermieri, Educatori, Operatori OSS, Istruttori Motori ), che lavorano presso strutture dell’Ulss 8 di Asolo e Montebelluna nelle quali risiedono e/o frequentano nei centri diurni, centinaia di adulti disabili.

Immaginate che per 4 venerdì pomeriggio dalle 14 alle 18 del mese di novembre 2015, tutti questi professionisti molti dei quali non si conoscevano tra loro, si ritrovino per condividere, danzare, ascoltarsi, giocare, ridere, abbracciarsi, imparare e riscoprire qualcosa di nuovo di se stessi, degl’altri,  del modo di vedere e approcciare la propria professione e la relazione con colleghi e utenti.

Ecco alcune testimonianze raccolte al termine del progetto che potrai poi leggere interamente: Leggi