La Conoscenza ci libera dalla sofferenza anche al tempo del Coranavirus.

“Tanto è il bene che io m’aspetto che ogni pena mi è diletto ” Francesco d’Assisi

Soffriamo perchè non conosciamo e soffrendo cresciamo. Quando comprendo che ciò che mi fa soffrire è dentro di me e non fuori, nel modo di sentire e interpretare i fatti esterni, posso provare dolore ma so’ che ha uno scopo, lo scopo è vedere il mio limite e superarlo.

Conoscere è come salire una montagna ed osservare il panorama, il panorama è il limite del mio sguardo della mia capacità di comprendere la realtà. Per superarlo devo fare un passo in avanti-alto che sempre la vita mi offre sul mio sentiero, mi chiede fatica/sforzo/perdita di certezze, il premio è l’ampliamento del panorama, della Coscienza. Ciò che era vero per me prima ora lo riconosco come limitato e riconosco che quella salita, sfida, dolore che la Vita mi ha presentato aveva uno scopo preciso, farmi avanzare di un passo verso la cima.

Cosa vedo da dove sono ora sul sentiero della mia montagna ? Condivido con voi alcune proposte di cambio di visione sulla realtà dettate dal vivere e dall’osservare me e le persone in questi giorni di paure e di limitazioni della libertà dettate dalla pandemia del Coronavirus. Come Francesco d’Assisi se sò che ogni cosa che mi posso aspettare mi porterà un bene, affronto quella sfida con animo leggero, addirittura con piacere dice il santo.

Vi propongo di provare a sostituire delle parole in voi e vedere l’effetto che vi genera. Le parole sono suggestioni, creano la realtà. Noi osserviamo e interpretiamo la realtà secondo schemi prefissati, inconsapevoli e invisibili, che diamo come scontati e giusti. Se cambio le parole con cui guardo il mondo, cambia la realtà che vedo, cambia come la affronto, do un senso ad ogni cosa.Quadro Archetipi 2

CASO / PROGETTO

Siamo immersi in una cultura che ci dice continuamente che tutto accade per caso: l’incidente, la malattia, il tradimento, il fallimento, l’innamoramento, gli incontri con le persone, il mio carattere sono fatti casuali, accadono e basta. Questa visione ci mantiene in uno stato costante di incertezza che per qualcuno è eccitante, per qualcun altro è invece angosciante. In ogni caso noi non possiamo farci nulla, è inutile pensarci, la natura ha voluto così, il destino, la dea bendata…

FALSO

Tutto quello che ci accade è frutto di un Progetto preciso e costruito alla perfezione per ciascuno di noi. Il tipo di carattere che hai, le caratteristiche dei componenti della tua famiglia d’origine, quel professore che ti ha fatto soffrire o innamorare, quel difetto che hai e che nascondi,  quell’incidente imprevisto,… se ci pensi bene ti hanno spinto a sviluppare una forza nuova in te, a comprendere qualcosa che prima non sapevi, a cambiare quell’aspetto del tuo carattere. Senza quell’evento non saresti quello che sei, ci hai mai pensato? C’è un Mondo Spirituale fatto di tanti esseri collaboranti che guidano le nostre vite, che hanno costruito un progetto insieme a noi per offrirci occasioni di crescita. Il presente ci viene incontro dal futuro, il futuro è la cima della montagna che traccia per ognuno di noi un sentiero e ci attende. Nulla è casuale, il limite nel riconoscerlo è solo nella ristrettezza dei nostri pensieri.

Per approfondire questo tema: Il viaggio di Maui – G.Garbuio/ R. Carone/F. Tuzzi ; L’esegesi Biblica – DVD  I. Sibaldi ; La Vita ha un senso profondo e positivo – F. Carotenuto.

EGOISMO / CONDIVISIONEuomini1 2020

Arrivare primi, vincere a tutti i costi, accumulare cose materiali e soldi è lo scopo della vita. Per sentirti sicuro nell’affrontare l’incerto futuro devi poter avere il controllo su tutto quello che può accadere e piegarlo al tuo volere. Più cose hai e più valore hai, non ti devi limitare o preoccupare degli effetti sugli altri o sull’ambiente delle tue azioni. Quello che conta è che devi star bene tu, la tua famiglia, la tua regione, la tua nazione e del resto se ne occuperanno gli altri, sono affari loro.

FALSO

Noi non esistiamo come elementi separati da tutto il resto, ogni cosa esistente è interdipendente dalle altre. Se scoppia una centrale nucleare in Giappone, mi riguarda e mi riguarda ogni piccola e grande azione che ogni uomo compie in questo istante perchè siamo puntini di una rete collegati sia fisicamente che energeticamente. La fisica moderna ha osservato che due elettroni che si sono accoppiati e poi allontanati rimangono per sempre collegati, quello che accade a uno accade anche all’altro istantaneamente al di la della distanza che li separa ( Entanglement ). Le Scienze Spirituali moderne e le Religioni tradizionali nei loro nuclei essenziali e simili, ci dicono che l’essere umano è parte di un Organismo chiamato Umanità che a sua volta è parte di un Organismo chiamato Terra, che a sua volta è parte di un Organismo chiamato Sistema Solare, che a sua volta….Gli organismi funzionano bene e crescono quando ogni singolo elemento promuove il benessere dell’intero, quando ognuno mette a disposizione il proprio talento per il Bene di tutti da cui anch’esso trarrà beneficio. La condivisione dei saperi, dei beni e del tempo è ciò che ci dona la vera sicurezza, l’amicizia e la gioia di vivere.

Per approfondire questo tema: La via della Ricchezza -S. Brizzi ; Linguaggio Simbolico, linguaggio della Natura – O.M.Aivanhov ; Il potere del cervello quantico – I. Pintimalli e J.L. Marshall

CORPO / SPIRITOcorpo-anima-spirito

Noi siamo il nostro corpo e lo dobbiamo tenere in forma, in salute e vivo il più a lungo possibile. Se si ammala o si rompe qualcosa sostituiamo o togliamo qualche pezzo. Siamo in sostanza delle macchine che devo funzionare bene per poter produrre, quando non sono più produttive le parcheggiamo da qualche parte attendendo l’inesorabile morte. Uso la mia macchina corpo per procurami più piaceri possibili, nel cibo, nel sesso, nello sport perchè la vita è procurare sensazioni positive e piacevoli al corpo. Se si ammala devo recuperare il prima possibile l’efficenza per poter proseguire a procurarmi piacere.

FALSO

Il corpo non esiste senza qualcosa che lo tiene in vita che lo fa crescere e prosperare. Quando sopraggiunge la morte fisica questo qualcosa si stacca e ciò che resta, il corpo fisico, si dissolve ci conferma inesorabilmente che lui non siamo noi. Il corpo che noi vediamo è un elaboratissimo Essere costituito da vari Corpi compenetrati uno all’altro di cui il Corpo fisico è solo la parte visibile ( un po’ come le matrioske ). Le tradizioni esoteriche e le Religioni hanno usato nomi e modelli diversi nel corso delle epoche per definire questi Corpi ma nella sostanza descrivono la medesima struttura e la stessa dinamica. R. Stainer, ad esempio, ci dice che il Corpo Fisico è retto da un Corpo Eterico, una rete energetica sulla quale gli atomi fisici si attaccano un po’ come la limatura di ferro posta sopra ad un foglio di carta dove sotto c’è una calamita. Il Corpo Eterico a sua volta è gestito dall’Anima costituita a sua volta da tre parti ( Anima che Sente, Anima che Ragiona e Anima Cosciente ). E’ il luogo delle nostre sensazioni, emozioni e pensieri da cui noi ricaviamo il succo delle esperienze che si vanno ad aggiungere al nostro Spirito che è eterno che governa la nostra Anima e gli lascia il libero arbitrio di poter fare esperienza. Noi siamo quindi Esseri Spirituali che compiono un’esperienza sulla Terra e utilizzano il veicolo fisico e l’Anima  per ricavarne preziosi insegnamenti cioè l’ampliamento del nostro Spirito. Alla morte fisica il corpo e l’Anima si dissolvono in tempi e modalità diverse e rimane lo Spirito che prosegue il suo cammino per un periodo nel Mondo Spirituale e si prepara ad una prossima incarnazione. Ogni incarnazione scegliamo l’abito fisico, la famiglia, la cultura più adatti per poter incontrare quelle esperienze che meglio di altre possono realizzare il progetto che abbiamo stabilito con le nostre guide. L’obiettivo è diventare esseri sempre più capaci di inserirsi nell’umanità con capacità creativa amorevole, passare da Creature a l’essere dei Creatori a nostra volta. Prova ne è che il livello evolutivo di una persona si può misurare dalla sua capacità creativa cioè di creare il Bene attorno a sè con ciò che dice, fa, scrive. Il Corpo è il tempio dello Spirito e il curarlo, tenerlo in salute ed in forma non è fine a se stesso ma utile al compiere meglio la nostra missione.

Per approfondire questo tema: Corpo, anima, Spirito – F. Carotenuto ; Risvegliare la Macchina Biologica – S. Brizzi ; Il Cantico di Gaia – F. e G.Varetto

MORTE / EVOLUZIONEfarfalle metamorfosi

La morte è la fine della vita, forse dopo c’è un paradiso o peggio un inferno di cui nessuno è sicuro e me ne può dare dimostrazione per cui io cerco di godermela il più possibile evitando le fatiche e gli sforzi inutili. Nessuno è mai tornato indietro a dirci che esiste un aldilà e quelli che credono, pregano, meditano, vanno in Chiesa o nelle Sinagoghe lo fanno per esorcizzare la paura, per stordirsi con qualche predica, per illudersi ed evitare di vedere la realtà per quello che è, tutto finisce.

FALSO

La morte non esiste, tutto si trasforma.  Un bruco diventa farfalla così come un essere umano ritorna alla dimensione spirituale per poi di nuovo incarnarsi e portare avanti il progetto. In natura il concetto di fine non esiste, tutto è in perenne e costante trasformazione e crescita ma mentre un albero e un leone crescono e muoiono senza saperlo perchè guidati da forze a loro esterne, un essere umano può dare alla sua crescita una direzione consapevole ed utile al suo ed altrui progresso. Noi siamo esseri coscienti con vari gradi di evoluzione che si evolvono nella direzione che scelgono dal loro interno, siamo liberi di farlo nella misura in cui siamo coscienti del progetto in cui siamo inseriti altrimenti sopravviviamo e moriamo esattamente come fa un animale. Il provare dolore di fronte alla morte di una persona cara, di una animale, di una pianta è comprensibile perchè noi viviamo contemporaneamente sul piano fisico, su quello animico e su quello dello spirito. Nei primi due la morte esiste come fenomeno e come esperienza sentita ed è giusto ed evolutivo che noi lo proviamo perchè riconosciamo il legame con tutti gli esseri proprio per spingerci a trovare un senso. Sul terzo piano, quello dello spirito contempopraneo ai precedenti, la morte non esiste perchè percepiamo la continuità dell’esistenza che cambia forma e con la quale siamo sempre in contatto ogni volta che la pensiamo e la sentiamo.

Per approfondire questo tema: La scuola degli dei – S. D’Anna ; Molte Vite Molti Maestri – B. Weiss ; Cos’è il Karma – F. Carotenuto; La Morte è di vitale importanza – E. K. Ross

PAURA / AMOREseminario pasqua 2020

La paura è il sentimento di fondo con cui viviamo le nostre esistenze, paura della povertà, della malattia, del dolore, della morte, di essere inadeguati, di sbagliare, di vivere, di innamorarsi, dei ragni, di Dio… E’ giusto avere paura perchè non sai mai quello che ti puoi aspettare, se non hai paura ti farai sicuramente del male e devi avere paura degli altri perchè ti possono fregare, superare, deludere, … Se non hai paura sei uno sciocco.

FALSO

Il contrario della paura non è il coraggio ma è l’Amore con la A maiuscola. Dove c’è Amore non c’è paura e dove c’è paura non c’è Amore. L’Amore non è un sentimento sdolcinato da romanzo tascabile, l’Amore è la forza che muove il Sole e l’altre stelle ci ricorda Dante. E’ il motivo per cui esiste l’Universo, è il progetto di Dio. L’Universo/Dio/Principio Unificatore/ Allah, chiamatelo come volete, vuole permettere a tutte le creature di diventare liberi e consapevoli co-creatori della sua Volontà. Per fare questo mette ognuno di noi nella più proficua delle situazioni perchè noi possiamo, attraverso il nostro libero e consapevole sforzo, diventare sempre più capaci di creare il Bene attorno a noi, come? Nel modo in cui rispondiamo alle persone con parole e gesti, nel modo in cui facciamo il nostro lavoro, nel modo in cui affrontiamo disagi e dolori nostri e altrui, nel modo in cui affrontiamo le epidemie…Quando comprendiamo che è Dio che ci manda le prove e che lo fa per Amore nostro, sarà solo amando quella difficoltà che noi sapremo comprenderla e superarla. Senza Amore, senza amare quella persona e situazione spiacevole non c’è una reale comprensione di ciò che sta accadendo e del perchè è arrivata. E’ l’Amore la sorgente e la foce di ogni avvenimento che ci viene incontro come la corrente di un fiume che scende dalla Montagna nel quale imparare a nuotare, diventanto più forti aiutando noi e gli altri a compiere il prossimo passo.

CONCLUSIONIRosenkranz-2

E quindi? Questo è un periodo di grande crisi e di grande opportunità di salto di Coscienza, in molti lo sentivamo, lo attendavamo. Non è importante cosa succede fuori di noi e quello che ci suscita nell’Anima è di cruciale importanza quello che decidiamo di farci con questo, cosa pensare e cosa fare a partire da questo. In questi giorni molti stanno riapprenzzando ciò che avevano tralasciato, gli affetti, la cura della casa e della persona, riflettono e sognano desideri per il futuro. Guarda il caso quello che avremo sempre voluto fare ma che non c’era il tempo percgè occupati in molte cose importanti… Tutti ci siamo accorti che i confini degli stati esistono solo sulla carta, che siamo tutti uniti e che è necessaria una diversa responsabilità individuale rispetto al Bene collettivo. Non posso occuparmi solo del mio giardino, della mia famiglia, del mio paese, ho bisogno di avere uno sguardo ampio e di agire la dove sono per alimentare ciò che è sano e dismettere le mie e altrui abitudini egoistiche e malsane. Ho bisogno di riimparare a pensare con i miei pensieri e non usare più pensieri di seconda mano, di informarmi e di formarmi un pensiero cosciente capace di fare per Amore di tutte le creature e non fare per paura di perdere ciò che ho conquistato o per desiderio di arraffare ulteriormente a scapito di qualcuno. In fondo questo virus ha solo portato alla luce ciò che era nel nostro più profondo e ce lo ha messo davanti agli occhi affinchè lo potessimo vedere meglio e decidere se rimandarlo giù tale e quale a prima o di trasformarlo in Cosciente ed Intelligente Volontà di Bene. Potremo anche scegliere di crescere cercando gli sforzi d’Amore giusti, magari quelli che non ci vanno ma che sappiamo essere necessari, così il meccanismo del dolore non sarà più necessario. A noi la libertà e la responsabilità.

Per tenerti informato in modo plurale puoi seguire i seguenti siti:

Paolo Bressan è un libero ricercatore. Si è formato in Educazione Fisica, Biodanza, in Counseling Pluralistico Integrato e presso l’Accademia dei Talenti Spirituali di Coscienze in rete. E’ creatore della Rete Casa del Cuore. Conduce percorsi personali e di guppo per bambini e famiglie, giovani, adulti, disabili, uomini.

Contatti :

paolo.brex1@gmail.com

www.paolobressan.it

www.casadelcuore.org